Emergenza coronavirus: l’Enac ammonisce Ryanair e Easyjet

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
“Il diniego del rimborso del titolo di viaggio non utilizzato, per la nota emergenza del coronavirus, è del tutto scorretta e contraria a quanto previsto dalla legge italiana”.

L’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), ovvero il massimo ente di vigilanza e controllo per il settore del trasporto aereo ha da poco “bacchettato” le maggiori compagnie low-cost operanti in Italia, ovvero Ryanair e Easyjet (ma anche Swiss Air e Vueling), a causa della loro mancata disponibilità a rimborsare i biglietti aerei non utilizzati dai passeggeri al fine di ottemperare alle prescrizioni contenute all’interno del recente Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri e volto a contrastare la diffusione del Coronavirus.

Le compagnie aeree, alle legittime richieste di rimborso presentate dai passeggeri, rispondono sempre nello stesso modo, ovvero: “Il volo non risulta cancellato e per questo non si ha diritto al rimborso”.

A tale diniego, i passeggeri vanno incontro, nonostante sul sito Ryanair, ad esempio, vi sia una apposita sezione dedicata alla richiesta di rimborso del biglietto aereo. Sul sito Easyjet, invece, vi è una sezione di aggiornamento in tempo reale.

L’Enac, intervenendo direttamente sul quotidiano Repubblica (per garantire la massima diffusione dell’informazione) ha precisato che ai sensi dell’art. 28 del Decreto Legge del 2 marzo 2020 n. 9 è previsto il rimborso dei titoli di viaggio e pacchetti turistici per tutti i “destinatari di un provvedimento di divieto di allontanamento nelle aree interessate dal contagio”.

I reclami presentati all’Enac da parte dei passeggeri sono stati tantissimi. I malcapitati passeggeri, infatti, oltre al danno della repentina mancata partenza, si vedono rifiutare anche il rimborso del biglietto non utilizzato.

Altra situazione di incertezza è generata dal fatto che in alcuni casi, le compagnie aeree cancellano solo il volo di andata o ritorno e, anche in questo caso, l’Enac ribadisce che i passeggeri hanno diritto a ricevere il rimborso del biglietto aereo.

Nel frattempo Ryanair ha comunicato la drastica decisione di sospendere tutti i voli per l’Italia fino al 9 aprile e, sulla stessa scia, anche le altre compagnie aeree si stanno orientando verso questo genere di decisione.

Se le compagnie aeree dovessero continuare a negare il rimborso a cui avete diritto, rimborsovoloitalia.it comunica di aver messo a disposizione, in maniera del tutto gratuita, i propri uffici legali per assistervi e farvi ottenere il rimborso previsto in questa difficile situazione.

Coronavirus: allerta in tutti gli aeroporti

I più recenti

domande, dubbi, chiarimenti?