Terrore a bordo di un volo Ryanair

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Scene di terrore si sono vissute a bordo del volo Ryanair FR1006 del 21 Gennaio 2020. Il volo in partenza dall’aeroporto Internazionale Henri Coanda di Bucarest alle h 06.40 locali, e diretto a Londra Stansted, subito dopo il decollo, ha effettuato un atterraggio di emergenza sempre sulla pista dalla quale era partito poco prima. I passeggeri seduti nelle ultime file dell’aeromobile, hanno visto una strana nube di fumo espandersi velocemente in tutta la cabina passeggeri. Aria irrespirabile e un inquietante stato di delirio difficile da gestire per il personale di bordo, questo è quanto raccontano i 169 passeggeri dello sfortunato volo presi letteralmente dal panico, per di più paventato dal fatto che non sono state rese disponibili in quegli attimi di terrore le maschere a ossigeno per migliorare l’ossigenazione dei malcapitati, impegnati a coprirsi la bocca dal fumo con abiti e sciarpe. Secondo quanto riferito dalla compagnia Irlandese, il fumo sarebbe stato prodotto dal liquido preposto alla funzione del de-icing, entrato in circolo nell’impianto di condizionamento dell’aria. Nulla di grave per la sicurezza dei passeggeri Ryanair, ma solo un grande spavento. Tuttavia il rientro all’aeroporto di partenza ha causato un inevitabile ritardo all’arrivo di aeroporto di destinazione, precisamente di 4h 10min, causando grandi disagi tra gli sfortunati passeggeri. Secondo il Regolamento CE 261/2004, i passeggeri che subiscono disagi aerei come il ritardo superiore alle 3 ore calcolato all’arrivo all’aeroporto di destinazione, hanno diritto a ricevere una compensazione pecuniaria che va da € 250 a € 600 a seconda della tratta percorsa. In questo caso, essendo la tratta compresa tra i 1.500 km e i 3500 km l’indennizzo a cui avranno diritto i passeggeri sarà pari ad € 400. Rimborso Volo Italia, assistendo in maniera gratuita i passeggeri vittime di disagio aereo, attivando entro 24 ore una procedura selettiva di controlli finalizzati all’accertamento delle circostanze che hanno provocato il ritardo per poi procedere in accordo con il Cliente all’attivazione gratuita della pratica di risarcimento.

Coronavirus: allerta in tutti gli aeroporti

I più recenti

domande, dubbi, chiarimenti?